Adoro il buon cibo e il buon vino.

Amo le bollicine, amo il prosecco.

Come avrei potuto perdermi il film “Finché c’è prosecco c’è speranza”? 

 

L’ho guardato e mi sono portata a casa decisamente qualcosa in più della voglia di farmi un altro aperitivo, che in realtà non manca mai!

La scena d’apertura ha continuato a risuonarmi nella mente e così, oggi, ho deciso di condividerla. 

Sono pochi attimi. Intensi.

Puoi guardarla cliccando qui 👇 (alza il volume ☺️ ) 

 

“Non esagerare”

“Chiedere alle cose un po’ meno di quello che ti possono dare”

 

Pochi attimi intensi che portano con sé tanti significati.  

Parlano di me, di te, di ciascuno  di noi.

 

TU

  • Tu sei il terreno e il raccolto è ciò che chiedi a te stesso.
  • Se ti chiedi sempre di più, se continui a correre senza mai fermarti a guardare, perdi energia e ci metti più tempo a recuperarla. Ti affatichi e rischi di perdere di vista il senso, il perché. E con esso la tua motivazione. Puoi persino arrivare a vivere il paradosso di sentirti incapace, con tutto ciò che hai fatto, perché hai perso il focus, la lucidità!
  • Se invece ti concedi un attimo di respiro, guardi, focalizzi, metti in ordine le cose, scegli, permetti a tutti i tuoi ettari di riposare ciclicamente, recuperando l’energia per fare bene ciò che vuoi fare. Ciò che ti serve. Per raggiungere con soddisfazione ed equilibrio i tuoi obiettivi, piccoli e grandi. E nel frattempo hai la possibilità di nutrirti! Guardando la tua serie TV preferita, giocando con i tuoi figli, portando a spasso il tuo cagnolino. 

 

IL TUO TEAM, LA TUA AZIENDA

  • Il terreno sono le persone del tuo team, la tua azienda.
  • La coltura intensiva è la pressione a fare. Sempre. Per qualsiasi cosa. Tutto allo stesso modo. Tutto prioritario. Perché si è sempre fatto così.
  • Coltivare in questo modo è come chiedere a un atleta di correre la maratona come correrebbe i 100 metri. Cosa accadrà all’atleta al traguardo, ammesso che ci arrivi? E quali risultati porterà a casa alla fine della gara?
  • Il vitigno stressato produce prosecco di qualità inferiore, il che rende anche l’aumento di performance nel breve periodo è illusoria! E poi il terreno si inaridirà: il tuo business non sarà sostenibile.
  • Certo, magari il tuo mandato tra 1 anno finirà. Ma il mondo resta. E il contesto in cui viviamo è la somma di tante piccole azioni, abitudini, comportamenti, scelte. Il riflesso di ciò che compiamo ogni giorno è ciò che vediamo amplificato dai media. E ci viviamo dentro tutti. E da qualche parte prima o poi ci torna indietro.

 

Quando ti chiedono “quando è la scadenza”?

La risposta “per ieri” va nella direzione della coltura intensiva e impoverente.

 

Gli obiettivi per avere senso devono essere SMART: specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e temporizzabili. Il resto non è un obiettivo.

 

Sfidante è diverso da frustrante. O usurante.

Impegnarsi è diverso da sacrificarsi e arrivare stremati.

 

Pensa a tuo figlio, tuo nipote, il tuo cane, il tuo gatto.

Pensa a una creatura che ha bisogno di te e di cui ti vuoi prendere cura davvero. A cosa presti attenzione?

Che dorma abbastanza. Che mangi abbastanza. Che impari ciò che gli serve.

Bene, hai la possibilità di farlo con te stessa o con te stesso e con il tuo team, la tua azienda.

 

Ascoltali e nutrili, i membri del tuo team, i loro talenti.

Ascolta e nutri te stesso o te stessa e i tuoi talenti: è la base per poterlo fare con gli altri.

 

Respira, porta aria nel tuo corpo; muoviti; concediti attimi di assenza; vivi nel presente; lavora sulla tua consapevolezza; investi nello sviluppo di soft e hard skill; nella intelligenza emotiva; lasciati andare; sorridi. 

Se vuoi i frutti è necessario che, in tutto questo, tu investa, tempo e risorse.  Dedizione.

 

Siamo così abituati a investire in beni materiali (l’oggettistica, le creme, gli integratori, gli snack…)  e così poco in ciò che non tocchiamo!

Ma quanto è prezioso, quanto ha valore per noi, per la nostra vita ciò che non tocchiamo e non vediamo? La nostra intelligenza, i nostri pensieri, le nostre emozioni, i nostri TALENTI.

Potremmo esistere senza?

 

Questo è ciò a cui ho pensato quando ho visto e ascoltato l’inizio del film. 

Cosa racconta a te?   

 

Lasciati ispirare.

L’ispirazione ci fa vedere nuove possibilità, ogni giorno, in ogni istante.

Una frase o una immagine ci possono far connettere a talenti, visioni, passioni, motivazione, valori di cui non ci ricordavamo più, a cui non stiamo dando spazio, il cui spazio lo abbiamo lasciato a qualcosa d’altro.

 

 

barbara@talent-up.it
www.talent-up.it

La missione di Talent Up è riconoscere, far esprimere, aiutare ad emergere e potenziare i talenti. Personali e organizzativi. Per generare benessere e performance.
Abbiamo il diritto e il dovere di costruire. Per noi stessi e per il mondo in cui viviamo.